skip to main content

Jean Lambert London's Green MEP

Brexit

Il 23 giugno 2016, il Regno Unito ha votato per uscire dall’Unione europea. Io volevo che continuassimo a far parte dell’Unione europea, così come il 60% delle persone che hanno votato nella mia circoscrizione di Londra. Al termine di una campagna caratterizzata da grande amarezza e forti divisioni, ho provato un profondo senso di delusione.

Da allora, è diventato sempre più evidente come l’uscita dall’Unione europea rappresenti un compito di enorme portata, spesso in contrasto con l’interesse nazionale. Quello che più mi preoccupa è come il Governo del Regno Unito abbia ripetutamente dimostrato una comprensione limitata della vastità di questa impresa.

L’insistenza nel perseguire una “hard Brexit” (l’abbandono del mercato unico e dell’unione doganale) è inutile e rischiosa, e soddisfa solo gli interessi degli elementi più estremi del Partito Conservatore. Questo approccio rischia di portare un danno irreparabile sia all’economia del Regno Unito, sia ai nostri diritti e libertà fondamentali.

Il partito dei Verdi non crede che l’uscita dall’Unione europea – al di là che si tratti di una transizione “soft” o “hard” – sia nell’interesse dei cittadini del Regno Unito.

Per questo chiediamo che sia indetto un referendum sull’accordo finale per l’uscita dall’Ue, con l’opzione di poter respingere un accordo insoddisfacente e rimanere membri dell’Unione europea.

Credo fermamente che l’adesione all’Unione europea abbia portato moltissime opportunità al nostro paese. Essa ha offerto a milioni di cittadini britannici la possibilità di vivere, studiare, lavorare e innamorarsi in 27 paesi membri, e ha attratto milioni di individui di talento nella nostra società. L’Ue ha guidato l’applicazione di standard ambientali per la protezione del pianeta dal cambiamento climatico. Inoltre, avere dei forti legami sociali, politici ed economici con i nostri vicini più prossimi ci rende meno isolati e più sicuri.

Finché continuerò ad essere deputata al Parlamento europeo, mi batterò per proteggere questi benefici. Anche se lasceremo l’Ue, non dovremo voltare le spalle ai nostri partner, alle nostre responsabilità globali e al nostro pianeta.

Nel mio manifesto Green Guarantees (Garanzie Verdi) troverete ulteriori informazioni sulle mie priorità per garantire a Londra e a tutto il Regno Unito il migliore accordo possibile con l’uscita dall’Ue.

Nei link a destra troverete informazioni sulla mia posizione in tema di commercio e ambiente post-Brexit.

Visitate il mio Hub per la libera circolazione per una panoramica sul lavoro svolto fino ad oggi nella protezione dei diritti dei cittadini dopo i risultati del referendum; troverete inoltre i link di organizzazioni a cui rivolgervi se siete preoccupati per il vostro diritto alla libera circolazione.